Dic 182017
 

20 DICEMBRE 2017 – AULA MAGNA MOTZO – DALLE ORE 16 ALLE ORE 20

 

CALE/CALI SARDU? LA LINGUA SARDA

La conferenza/seminario affronterà i percorsi di conoscenza, valorizzazione e trasmissione del patrimonio linguistico sardo. Essa sarà incentrata sul tema della lingua intesa come veicolo di trasmissione culturale e come strumento di comunicazione dal grande valore identitario. Oggigiorno, la lingua sarda risente ancora degli stereotipi che non le consentono di emanciparsi dall’errata convinzione che le vede attribuire un minor prestigio rispetto alla lingua nazionale, specialmente tra le nuove generazioni.

 

Diversi dunque i quesiti: qual è oggi lo stato di diffusione e trasmissione della lingua? In che modo possono essere identificate le differenze tra lingua e dialetto? Quali sono le varietà del sardo e per cosa si caratterizzano? L’idea è proprio quella di affrontare in una conferenza gli aspetti riassumibili nella domanda che dà il titolo alla conferenza: quale sardo vogliamo? Quale per la forma scritta e quale per la forma orale? Quale insegnare a scuola e in che maniera o modalità?

 

Grazie al grande valore pedagogico della musica, dei canti e dei testi in lingua sarda della tradizione folklorica isolana, si tenderà a ricercare, nei diversi livelli e ‘traguardi’ della scuola italiana, modalità e tecniche d’insegnamento innovative utili al riconoscimento del valore identitario sardo.

 

INTERVENGONO ALLA CONFERENZA:

 

– prof. Maurizio Virdis: filologo e linguista, docente di Linguistica sarda, Filologia Romanza e Lingua sarda nella facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari;

 

– dott. Marco Lutzu: etnomusicologo e ricercatore dell’Università degli studi di Cagliari, esperto della tradizione musicale isolana;

 

– sig. Renzo Sanna – cavaliere della Repubblica Italiana, nomina ricevuta per l’attività di maestro nel suo paese, il comune di Portoscuso. Si è contraddistinto principalmente per l’attività di insegnamento nel suo paese, tramite la riscoperta delle antiche storie e tradizioni popolari, insegnate grazie ai testi cantati in lingua sarda;

 

– Delegazione dell’Istituto Comprensivo “Vittorio Angius” Portoscuso (CI), scuole Elementari di via Nuoro, che, accompagnati dalle loro docenti Orietta Mura, Margherita Pellegrini, Gioia Tacconi e Liviana Medda, proporrà alcuni canti in lingua sarda tipici della tradizione;

 

– Salvatore Cubeddu: direttore di EJA TV – web tv che trasmette in lingua sarda. Interessante conoscere le ragioni di questa esperienza, cosa porta un comunicatore ad affrontare il mondo delle web tv con una proposta in una lingua minoritaria;

 

– Nicola Merche: CSU – Coordinamento pro su Sardu Ufitziale – fra i promotori della Limba Sarda Comuna;

 

– Paolo Zedda – Consigliere regionale del gruppo ART. 1 – SINISTRA PER LA DEMOCRAZIA E IL PROGRESSO – primo firmatario della proposta di legge n°167/2014 che introduce delle modifiche alla legge regionale 26 sulla Lingua Sarda.

 

MODERANO:

 

  • I Rappresentanti degli studenti di Unica 2.0 nei vari corsi della Facoltà di Studi Umanistici

  1. I Link degli eventi sono già disponibili nella pagina Facebook di Unica 2.0;
  2. La partecipazione alle due giornate, corredata da una relazione scritta, darà il diritto all’acquisizione di 1 CFU in ambito F a tutti coloro della Facoltà di Studi Umanistici che ne faranno richiesta. Vi ricordiamo che l’approvazione del credito per la suddetta attività è competenza dei singoli Consigli di Corso. Per questo motivo, vi consigliamo di chiedere anticipatamente conferma dell’approvazione ai vari docenti coordinatori e rappresentanti degli studenti loro afferenti.
credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar